• News Immagine Anteprima
  • Home
  • In evidenza
  • 03/10/2023 - I CONSORZI ENERGIA ALLA SFIDA DELLE TRANSIZIONE GREEN: CONSUMARE MEGLIO PER SPENDERE MENO

03/05/2022 - Polonia e Bulgaria: la società Gazprom blocca le forniture di gas per mancato pagamento in rubli

Gazprom ha comunicato il 27/04/2022 di aver “sospeso completamente le forniture di gas alla Bulgaria e alla Polonia per mancato pagamento in rubli”, spiegando che alla fine della giornata lavorativa del 26 aprile Gazprom Export non ha ricevuto dalle due aziende di Stato i pagamenti per le forniture di aprile in rubli. I due stati “sono Stati di transito” e “in caso di ritiro non autorizzato di gas russo dai volumi di transito verso Paesi terzi le forniture per il transito saranno ridotte di tale volume”, ha precisato Gazprom. Immediata la reazione della Ue, con la presidente della Commissione Ursula Von Der Leyen che ha definito lo stop alle forniture “un nuovo tentativo della Russia di usare il gas come strumento di ricatto”.  Sempre il 27/04/2022 il primo ministro greco ha promesso all’omologo bulgaro “piena assistenza”. Va pero detto che la Bulgaria, che riceve circa 3 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia, è in ritardo nella realizzazione del gasdotto Interconnector Greece-Bulgaria che dovrebbe garantire un pari volume di gas azero trasportato dal Tap. Sembra comunque che le forniture di gas in Bulgaria sono garantite almeno per un mese. La Polonia invece, fa sapere tramite la ministra all’energia Anna Moskwa che il sistema del gas nazionale “è uno dei pochi nella UE in grado di abbandonare completamente le forniture dalla Russia”.

Di seguito la dichiarazione alla stampa della presidente Von Der Leyen a seguito dell’annuncio di Gazprom sull’interruzione delle consegne di gas in alcuni stati membri dell’UE.

"Verifica contro la consegna"

L'annuncio di Gazprom che interromperà unilateralmente la fornitura di gas ad alcuni Stati membri dell'UE è un'altra provocazione del Cremlino. Ma non sorprende che il Cremlino utilizzi combustibili fossili per cercare di ricattarci. Questo è qualcosa per cui la Commissione europea si sta preparando, in stretto coordinamento e solidarietà con gli Stati membri e i partner internazionali. La nostra risposta sarà immediata, unita e coordinata.  

In primo luogo, faremo in modo che la decisione di Gazprom abbia il minor impatto possibile sui consumatori europei. Oggi gli Stati membri si sono incontrati in seno al gruppo di coordinamento del gas. Polonia e Bulgaria ci hanno aggiornato sulla situazione. Sia la Polonia che la Bulgaria stanno ora ricevendo gas dai loro vicini dell'UE. Questo mostra prima di tutto l'immensa solidarietà tra noi, ma mostra anche l'efficacia degli investimenti passati, ad esempio negli interconnettori e in altre infrastrutture del gas. La Commissione intensificherà inoltre il suo lavoro con i cosiddetti gruppi regionali degli Stati membri, che possono fornire reciprocamente la solidarietà più immediata. Ciò mitigherà qualsiasi impatto su possibili interruzioni del gas.

In secondo luogo, continueremo il nostro lavoro per garantire una fornitura e uno stoccaggio di gas sufficienti a medio termine. Il nostro piano d'azione REPowerEU contribuirà a ridurre significativamente la nostra dipendenza dai combustibili fossili russi già quest'anno. Abbiamo anche raggiunto un accordo con gli Stati Uniti per fornire ulteriori importazioni di GNL quest'anno e quelli successivi. E stiamo lavorando fianco a fianco con i nostri Stati membri per garantire la fornitura di gas alternativo anche da altri partner. A lungo termine, REPowerEU ci aiuterà anche a passare a un approvvigionamento energetico più affidabile, sicuro e sostenibile. A metà maggio presenteremo i nostri piani per accelerare la transizione verde. Ogni euro che investiamo nelle energie rinnovabili e nell'efficienza energetica è un acconto sulla nostra futura indipendenza energetica.

Questa ultima mossa aggressiva della Russia ci ricorda che dobbiamo lavorare con partner affidabili e costruire la nostra indipendenza energetica. La Commissione è in contatto con la Presidenza francese. E accolgo con favore i loro piani di convocare una riunione dei ministri dell'Energia dell'UE il prima possibile. Oggi il Cremlino ha fallito ancora una volta in questo tentativo di seminare divisioni tra gli europei. L'era dei combustibili fossili russi in Europa volge al termine. L'Europa va avanti sulle questioni energetiche.